Parodontologia: recessione gengivale e scopertura radice scura

Dove c'è una vecchia capsula mi si è ritirata la gengiva, adesso si vede un bordino nero e un pezzo di radice scuro che prima non si vedevano, come mai? Cosa posso fare?

Risposta:

La retrazione gengivale avvenuta con il passare degli anni ha avuto come conseguenza la scopertura del bordino metallico della protesi ceramica e di una parte della radice che se è di colore scuro è sicuramente perché il dente incapsulato è devitalizzato.
La retrazione del margine gengivale può essere stata causata da un movimento traumatico scorretto dello spazzolino (orizzontale nella regione gengivale) o da una corona non correttamente eseguita. Una corona non correttamente eseguita può esercitare una pressione sulla gengiva causandone la recessione (corona sovracontornata) oppure avere dei bordi di chiusura non molto precisi lì dove dovrebbero invece esserlo con conseguente infiammazione per accumulo di placca batterica e recessione.
La corretta terapia per ripristinare l’estetica e la funzionalità della regione consiste nel sostituire la capsula vecchia ripristinando però anche la corretta architettura gengivale; si rischierebbe altrimenti di avere sì un dente senza il bordino metallico in evidenza ma o più lungo o con una antiestetica porzione di radice scura visibile. Il trattamento da eseguire sulla radice è quello di ricopertura con o senza innesto di connettivo a seconda dei casi.

Recessione gengivale, scopertura bordino metallico della corona e parte della radice che è scura
Recessione gengivale, scopertura bordino metallico della corona e parte della radice che è scura   Recessione gengivale, scopertura bordino metallico della corona e parte della radice che è scura
     
Estetica e funzione ripristinata dopo ricopertura gengivale e nuova corona in zirconio ceramica
Estetica e funzione ripristinata dopo ricopertura gengivale e nuova corona in zirconio ceramica   Estetica e funzione ripristinata dopo ricopertura gengivale e nuova corona in zirconio ceramica
     
Prima...   Dopo...
Prima...   Dopo...
0
0
0
s2sdefault
powered by social2s